La FIDAL al fianco della “Corsa per la Memoria” di Palermo - Corsa per la Memoria
257
post-template-default,single,single-post,postid-257,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,qode_popup_menu_push_text_top,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-10.1.2,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive

La FIDAL al fianco della “Corsa per la Memoria” di Palermo

La FIDAL al fianco della “Corsa per la Memoria” di Palermo

L’evento, una 10km con partenza e arrivo dallo Stadio delle Palme “Vito Schifani”, è promosso dalla Fondazione Giovanni e Francesca Falcone nell’ambito delle iniziative per commemorare il venticinquesimo anniversario delle stragi mafiose del 1992.

Il Consiglio Federale riunito, nei giorni scorsi, Roma si è aperto con un importante annuncio da parte del presidente Alfio Giomi: la FIDAL sarà al fianco della “Corsa per la Memoria” del prossimo 21 maggio a Palermo. L’evento, una 10km con partenza e arrivo dallo Stadio delle Palme “Vito Schifani”, è promosso dalla Fondazione Giovanni e Francesca Falcone nell’ambito delle iniziative per commemorare il venticinquesimo anniversario delle stragi mafiose del 1992. Lo scopo è quello di catalizzare l’attenzione del mondo sportivo sul tema dell’antimafia e della legalità anche attraverso la partecipazione di importanti testimonial compresi diversi big dell’atletica italiana.

“E’ un grande onore per la nostra Federazione – ha sottolineato il presidente della FIDAL Giomi – essere parte di un evento che porta con sè un significato sociale così importante. Proprio oggi il Consiglio Federale ha stabilito di far correre con una speciale maglia azzurra tutti gli atleti della Nazionale italiana che, attraverso la loro partecipazione alla manifestazione, ribadiranno l’importanza della memoria per rinnovare costantemente l’impegno dei cittadini e delle comunità nella lotta contro le mafie. Da parte nostra ci sarà pieno supporto a livello tecnico e organizzativo nella convinzione che la corsa potrà essere, soprattutto per i tanti giovani che saranno coinvolti, veicolo di contenuti e di messaggi carichi di speranza e fiducia nel futuro”.  

Articolo tratto da www.fidal.it